Ciak, motore…. “Talenti in Palio” parte prima

Era il 30 marzo 2016 quando ci siamo presentati alla comunità di Azzano San Paolo, con un incontro aperto ai cittadini e alle associazioni. Il risultato di quell’incontro è stata la costruzione di un progetto che ruota intorno ad un passato dimenticato e ad un futuro da costruire.

Così è nato il progetto Talenti in Palio.

Cos’è Talenti in Palio

Si tratta di un percorso multidisciplinare per bambini, adolescenti, e per l’intera comunità di Azzano San Paolo, che si articolerà in una serie di differenti interventi nel corso dei 15 mesi del progetto. Esso mira a ricostruire l’identità delle antiche contrade del paese, innestandosi in questo modo sulla tradizione ma consentendone la rielaborazione moderna ad opera dei fruitori stessi del progetto. Fino al 1992, infatti, il paese ha avuto come manifestazione di rilievo un “palio delle contrade”, del quale i partecipanti conservano un vivido ricordo come importante momento aggregativo, capace di coniugare cultura e divertimento. Una volta ripristinate le contrade, dunque, come luoghi fisici e simbolici della vita del paese, il progetto vuole aprire la strada verso un nuovo evento da realizzarsi con il coinvolgimento attivo di tutti i fruitori del presente progetto. Nel nuovo format alla parola “palio” viene affiancata la parola “talent o talenti”, che ha la duplice funzione di avvicinare un pubblico più giovane e di proporre un modo di vivere le proprie abilità, il proprio talento, dove non emerga solo il singolo ma l’intero gruppo o contrada di appartenenza.

Le partnerships

Sebbene noi di ALMAprogetto siamo i promotori di Talenti in Palio, il progetto vede però la preziosa collaborazione di diverse realtà del territorio di Azzano, ma non solo: la Fondazione della Comunità Bergamasca è una di queste, che grazie ai suoi bandi finanzia attività di sviluppo culturale del territorio locale. Ma questo non sarebbe possibile senza il Comune di Azzano San Paolo e l’Assessorato alla Cultura, che sostengono e collaborano per la buona riuscita di iniziative come la nostra. Oltre a loro, l‘Istituto Comprensivo di Azzano San Paolo, la Biblioteca di Azzano San Paolo, l’Associazione Progetto Più, il Progetto Giovani di Azzano, il giovane gruppo di produzione audiovisiva BUM-Bringing Up Movie, hanno espresso la loro collaborazione a Talenti in Palio.

Prima azione del progetto: “Motore, ciak… azione”

Siccome la nostra idea desidera ricreare anche nei più giovani il senso di appartenenza al loro paese, la prima azione del progetto si è rivolta a loro: un corso di videomaking con lo scopo di realizzare brevi video, in formato seriale, sospesi tra il passato e il futuro, come a ridurre la frattura temporale tra il vecchio palio e il mondo contemporaneo.

Alle prese con sceneggiatura e produzione

Il corso “Ciak, motore… azione“, curato dalla sceneggiatrice Alessandra Salvoldi e dal regista Federico Tacchini, è iniziato venerdì 2 dicembre, ed ha visto i 17 giovani partecipanti (tutti tra gli 11 e i 15 anni) suddividersi in delle vere e proprie troupes cinematografiche in miniatura: ognuno con i propri compiti, i ragazzi hanno raccolto ed espresso le loro idee nella scrittura di una sceneggiatura originale che racconta le avventure di un immaginario giovane azzanese del passato, Bartolomeo Bigoni. Nei due giorni di riprese i ragazzi hanno vissuto tutte le emozioni di un set cinematografico, dalle papere degli attori all’importanza della continuità scenica, dalla ricerca di costumi e location alla cura degli aspetti tecnici come luci, suono, inquadrature…

E poi?

L’anteprima del video sarà l’occasione per portare all’intera comunità il progetto Talenti in Palio, e per cominciare a ragionare su cosa potrebbe diventare il palio del futuro. Nel frattempo continueremo a parlarne con le altre azioni del progetto, prima fra tutte la creazione di loghi grafici per le vecchie e nuove contrade, sempre ad opera di giovani azzanesi. Questi loghi artistici saranno giudicati da una commissione scelta ad hoc, e i vincitori verranno premiati in un evento collettivo, occasione anche per mostrare il cortometraggio realizzato con il corso di videomaking.
A seguire, nell’estate del 2017, inaugurazione delle targhe con i nuovi loghi e una festa per la collettività…

Che forma avrà questa festa? Cosa faremo? Quali saranno i talenti che verranno messi in campo, o in palio? Noi ne abbiamo già visti diversi, e qualche idea ce l’abbiamo già… e voi?

Seguiteci qui e sulla nostra pagina facebook per anteprime e aggiornamenti.