Herbie Hancock e il jazz dai mille colori

“You make different colors by combining those colors that already exist.”

(cit. H. Hancock)

 


Fautore dell’ International Jazz Day , ambasciatore del jazz in tutto il mondo, pianista straordinario… sì, stiamo parlando proprio di lui, Herbie Hancock.

Nel 1973 apre una nuova strada per il genere funk-fusion e tocca punte di vendita mai viste proprio con questo pezzo: Chamaleon. Lo possiamo ammirare ed ascoltare qui sopra in un live molto trascinante del 2006 svoltosi in Svizzera, nel quale è accompagnato da Nathan East al basso, Lionel Loueke alla chitarra e Vinnie Colaiuta alla batteria.

Mai titolo fu più indicato per questo artista che ha cambiato spesso colore per adeguarsi a più diversi contesti musicali. Dal jazz acustico alle colonne sonore, dal pop allo scratching ed al rap superando lo spartiacque tra il Jazz e gli altri stili musicali. 

Merita un’approfondimento anche l’iniziativa dell’International Jazz Day -da lui fortemente voluta e che si è diffusa ormai in  tutto il mondo con grande successo. Si tratta di una giornata dedicata al Jazz, patrimonio dell’UNESCO, e che si celebra in tutto il mondo il 30 aprile. Un’occasione per festeggiare insieme e per condividere la proprio visione, il proprio modo di sentire e di vivere il jazz. Quest’anno anche noi di ALMAprogetto ci siamo uniti ai festeggiamenti, organizzati dal CDpM di Bergamo, con una piccola performance di teatro e musica che potete vedere qui.

 

 

Il tutto in preparazione del nostro prossimo spettacolo, che debutterà il 9 luglio ad Azzano San Paolo e parlerà proprio di Jazz. Seguiteci anche su Facebook dove continueremo a pubblicare aggiornamenti su questa nuova avventura!

E ricordatevi sempre dei mille colori del Jazz!

 

jazz